Libri usati Torino – Carla Lonzi e la rivolta femminile

Libreria Utopia Pratica libri usati Torino.

libri usati torino

Carla Lonzi
Sputiamo su Hegel, la donna clitoridea e la donna vaginale
Scritti di Rivolta femminile Prima edizione 1974

Sputiamo su Hegel è un saggio di Carla Lonzi, maturato nell’ambito  del collettivo femminista “Rivolta Femminile”. Chiodo concettuale a partire dal quale la scrittrice svilupperà il suo pensiero sulla condizione della donna nel mondo.

Compralo qui! o chiama in Libreria

Questi scritti, sia quelli firmati da me che quelli firmati collettivamente, segnano le tappe della mia presa di coscienza dalla primavera del ’70 ai primi del ’72, stimolata dalla scoperta dell’esistenza del femminismo nel mondo e dai rapporti con le donne di Rivolta Femminile. 
Il rischio di questi scritti è che vengano presi come punti fermi teorici mentre riflettono solo un modo iniziale per me di uscire allo scoperto, quello in cui prevaleva lo sdegno per essermi accorta che la cultura maschile in ogni suo aspetto aveva teorizzato l’inferiorità della donna. Per questo la sua inferiorizzazione appare del tutto naturale.
Le donne stesse accettano di considerarsi “seconde” se chi le convince sembra loro meritare la stima del genere umano: Marx, Lenin, Freud e tutti gli altri. Mi sono sentita stimolata a confutare alcuni tra i principi fondamentali del patriarcato, non solo di quello passato o presente, ma di quello prospettato dalle ideologie rivoluzionarie. 
Il nostro Manifesto contiene le frasi più significative che l’idea generale del femminismo ci aveva portato alla coscienza durante i primi approcci tra di noi. La chiave femminista operava come una rivelazione. Il bisogno di esprimersi è stato da noi accolto come sinonimo stesso di liberazione. 
“Sputiamo su Hegel” l’ho scritto perché ero rimasta molto turbata constatando che quasi la totalità delle femministe italiane dava più credito alla lotta di classe che alla loro stessa oppressione.
Quando né rivoluzione, né filosofia, né arte, né religione godevano più della nostra incondizionata fiducia, abbiamo affrontato il punto centrale della nostra inferiorizzazione, quello sessuale. Durante una campagna per l’abolizione del reato di aborto mi sono chiesta: è più da schiave soggiacere all’aborto clandestino o al fatto di rimanere incinte se non si è provato piacere, cioè solo per soddisfare l’uomo? Chi ci ha obbligato a soddisfarlo a nostre spese? Nessuno. Lí siamo vittime incoscienti, ma volontarie (“Sessualità femminile e aborto”). 
Perché la donna non ha la risoluzione nell’orgasmo assicurata come l’uomo? Qual’è il suo funzionamento fisio-sessuale? E quello psico-sessuale? Qual’è infine il suo sesso? Esistono donne clitoridee e donne vaginali: chi sono? Chi siamo? (“La donna clitoridea e la donna vaginale”).
Prendendo coscienza dei condizionamenti culturali, di quelli che non sappiamo, non immaginiamo neppure di avere, potremmo scoprire qualcosa di essenziale, qualcosa che cambia tutto, il senso di noi, dei rapporti, della vita. Via via che si andava al fondo dell’oppressione il senso della liberazione diventava più interiore. Per questo la presa di coscienza è l’unica via, altrimenti si rischia di lottare per una liberazione che poi si rivela esteriore, apparente, per una strada illusoria (“Significato dell’autocoscienza nei gruppi femministi”).
Per esempio, lottare per il domani, un domani senza condizionamenti per la donna, un domani così lontano che neppure noi ci saremo. L’uomo ha sempre rimandato ogni soluzione a un futuro ideale dell’umanità, ma non esiste, possiamo però rivelare l’umanità presente, cioè noi stesse. 
Nessuno a priori è condizionato al punto da non potersi liberare, nessuno a priori sarà così non condizionato da essere libero. Noi donne non siamo condizionate in modo irrimediabile, solo che non esiste nei secoli un’esperienza di liberazione espressa da noi“.

 

This entry was posted in Libreria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *